venerdì 11 settembre 2015

LE ESECUZIONI DELL'ISIS CONTINUANO...

L'ISIS GIUSTIZIA GAY, LADRI, 
E UNA DONNA ACCUSATA DI ADULTERIO

www.ynetnews.com Il gruppo "Stato Islamico" che attualmente occupa l'Irak e la Siria torna nuovamente a sorprendere il mondo con i video delle sue orribili esecuzioni. Questa volta gettano uomini giù da un tetto con gli occhi bendati, come castigo per il loro orientamento sessuale. Immagini delle esecuzioni sono apparse sulle pagine web jihadiste, affermando che gli uomini sono stati "condannati" per atti omosessuali. La radicale interpretazione della legge islamica del gruppo è che "la partecipazione ad attività omosessuali" costituisce un "crimine capitale". 
Una delle immagini mostra una grande moltitudine di gente riunita ai piedi di una grande torre per presenziare all'esecuzione dei due uomini. Il boia mascherato dello Stato Islamico enumera i loro crimini, li dichiara colpevoli di omosessualità e li condanna a morte.

I due uomini appaiono con gli occhi bendati sulla cima di un edificio sostenuti da due membri dell'ISIS prima di essere gettati dall'edificio e dopo essere stati "condannati" per omosessualità. La "sentenza" è stata eseguita per una disposizione legale che richiede "l'esecuzione delle pene prescritte contro coloro che commettono una azione contro la nazione di Lot", secondo il sito web dell'ISIS. 
Un'altra fotografia pubblicata nella pagina ufficiale dell'ISIS mostra due uomini crocifissi, accusati di essere ladri. Un membro dell'ISIS legge a voce alta i capi d'imputazione contro i due presunti ladri prima di essere assassinati con un colpo alla testa inferto da altri militanti. L'ISIS ha anche pubblicato una foto che mostra una donna, avvolta da un niqab nero, in piedi di fronte ad un membro dell'ISIS, sul punto di essere lapidata con l'accusa di infedeltà.


Il così chiamato Stato Islamico presente in Iraq e in Siria (ISIS) ha pubblicato fotografie che mostrano la brutale esecuzione di quattro uomini e una donna, accusati di omosessualità, furto e infedeltà all'Islam. Queste immagini, che circolano nei siti web jihadisti, mostrano i terroristi del gruppo dello Stato Islamico che giustiziano uomini gay gettandoli dal tetto di un edificio, di fronte ad una moltitudine di persone. L'Isis ha pubblicato recentemente una lista di reati del codice penale punibili con amputazioni, lapidazioni e crocifissioni, assieme alla sinistra promessa di assicurare che il codice sarà seguito scrupolosamente in tutte le aree che si trovano sotto il suo controllo. Da quando l'ISIS ha proclamato lo Stato Islamico in Iraq e in Siria, sono stati commessi numerosi crimini, abusi e violazioni dei diritti umani, provocando una risposta militare da parte di vari paesi tra i quali Stati Uniti e Marocco, contro l'auto-proclamato Stato Islamico. In Kali-yuga tutta la gente si degrada con rapidità. La maggioranza delle persone compie azioni dirette principalmente al godimento sensoriale, e si soddisfa compiendo o guardando la crudeltà della quale sono vittime esseri indifesi. Perfino la classe sacerdotale si è degradata. Rinunciando alla condotta brahmínica, molti brahmana si compiacciono nella malizia e nell'invidia, altri sviluppano il desiderio di guadagno materiale e molti altri desiderano onore e fama mondana. I nostri Maestri Spirituali ci hanno insegnato che dobbiamo cercare di fare dei cambiamenti in questa società corrotta, e “dobbiamo cominciare da noi stessi, perchè è quasi impossibile cambiare gli altri. Una persona cambia solamente se siamo capaci di ispirarla con il nostro esempio.” Dobbiamo diventare amorevoli con le altre creature viventi e cercare di servire Dio in compagnia dei devoti, indipendentemente dal Paese o dal tipo di società dai quali si proviene. (Nota dell'editore).

COSA CI DICE L'INSEGNAMENTO VEDICO?

Dobbiamo diventare attivisti del bene. C'è tanta spazzatura, tanta crudeltà che deve essere interrotta. L'uomo moderno è diventato insensibile, anestetizzato dagli intossicanti e dal consumismo; l'"essere umano" preferisce il male, si dimentica perfino ciò che è bene per lui, e direttamente o indirettamente diventa responsabile di questa società corrotta. Con l'aiuto di tutti dobbiamo cercare di avanzare. In questo folle mondo dobbiamo conquistare la terra, anima per anima, coscienza per coscienza. Dobbiamo comprometterci con la verità. Rispettiamo la fede di ognuno, sempre e quando non vengano pregiudicati gli altri. La verità è l'amore, e ognuno ha il dovere di produrre sempre più amore; amore per Dio e per tutta la sua creazione; amore e gratitudine per Madre Terra; amore per gli animali; bontà e compassione per gli indifesi. E' ora di diventare coscienti, anche se ciò può causare dolore.


Śrīla Bhakti Aloka Paramadvaiti Mahārāja :
“Conciencia Aunque Duela”
“Sabidurías Védicas”
http://bhaktipedia.org/espanol/
http://bhaktipedia.org/espanol/index.php?n=sabidurias_vedicas.conciencia_aunque_duela


Pubblicato da dasavatara das - "NotizieVINA" 
http://noticiasvina.blogspot.com.ar/